Home |  Organismi dirigenti  |  La rete dei Circoli  |  I nostri Eletti  |  Donne democratiche  |  Articoli  |  Materiali di Comunicazione  |  Newsletter  |  Link  |  Contatti  |
Feed RSS 
  mercoledi 21 novembre 2018 Partito Democratico Reggio Emilia
| Politiche_2018 | Dichiarazioni | Documenti | Ambiente | Enti Locali | Feste PD | Giustizia Sicurezza | Lavoro Economia | Scuola | Diritti solidarietÓ | Parlamentari | Cons.Regionali |
Nuovi nazionalismi

13 febbraio 2017

Pubblicato in: AttualitÓ


Siamo in un'epoca di ritorni di nazionalismi. Questa mi sembra la nuova caratteristica più evidente delle nuove destre del mondo, vincenti o comunque altamente competitive sul piano elettorale.

È una caratteristica del nuovo Presidente USA Donald Trump. Insediato da poche settimane alla Casa Bianca, ha già litigato con diversi Capi di Stato, dal Messico alla Cina, attaccato l'Unione Europea, mandato messaggi minacciosi all'Iran. Ha esaltato la Brexit, che è la vicenda più evidente di nuovo nazionalismo degli ultimi tempi.

Donald non è solo. Ho ricordato la Brexit. È di questi giorni la promessa di Marine Le Pen di fare referendum per uscire da Unione Europea e NATO se vince le elezioni presidenziali francesi. In vari Paesi europei si andrà alle elezioni con forti movimenti populisti, che si caratterizzano per l'attacco agli immigrati e per l'antieuropeismo. Tra questi in Italia c'è la gara tra Lega e Fratelli d'Italia, ma sono temi che il Movimento 5 Stelle non disdegna.

Senza contare poi gli elementi di neozarismo e di nazionalismo che caratterizzano le politiche di Putin.

Le forze di sinistra devono dare risposte adeguate a questa nuova e vecchia politica delle destre. In primo luogo in Europa con proposte che salvaguardino i diritti del lavoro, il welfare, l'ambiente e ponendo questi temi al centro delle politiche commerciali. Nello stesso tempo mettendo in evidenza dove ci possono portare le politiche delle destre.

Parto da un aspetto economico. Trump minaccia di mettere i dazi ai prodotti di importazione messicana, se il Messico non fa e non paga il muro. Se gli USA davvero facessero questo, il Messico farebbe la stessa cosa per i prodotti esportati dagli USA in Messico. Cosa succede ai consumatori, nonché ai lavoratori? Se un consumatore americano vorrà continuare a comprare lo stesso prodotto, lo dovrà pagare di più, essendoci un dazio che prima non c'era. Se invece preferirà comprare un prodotto alternativo, americano o di altro paese, perché più competitivo a quel punto sul piano dei prezzi, molto probabilmente il nuovo prodotto prescelto avrà comunque un prezzo più alto del precedente prodotto messicano prima dei dazi. In ognuno dei due casi il consumatore dovrà spendere di più. Nel caso di continuare a scegliere il prodotto messicano, lo Stato avrà un maggior introito, derivante dai dazi. L'insieme di queste nuove entrate magari permetterà a Trump di abbassare un po' le tasse ai ricchi. Se tutto questo avvenisse il consumatore-lavoratore avrebbe una riduzione del suo potere d'acquisto e magari il suo datore di lavoro una riduzione di tasse.

Non c'è solo l'aspetto economico.

Ricordo che abbiamo già conosciuto una fase di globalizzazione dell'economia tra fine '800 e primi del '900. Poi gli interessi nazionali conflissero e il nazionalismo ci ha portato alla prima guerra mondiale. In seguito le ideologie nazionaliste prevalsero in Italia con fascismo e, in Germania, con il nazismo. Lo sbocco è stata la seconda guerra mondiale. Stiamo attenti, perché i nazionalismi storicamente producono questi effetti. Cerchiamo di evitarli, perché oggi sarebbero catastrofici forse ancor più che nel passato.

 

On. Maino Marchi



TAGS:
parlamentari | 

Bookmark and Share





Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna

18 novembre 2017 - Matteo Renzi. Visita al Museo Casa Cervi dedicato alla storia dei movimenti contadini, dell'antifascismo e della Resistenza nelle campagne.
Agenda Appuntamenti
« Novembre 2018 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
Ricerca nel sito
»

elezioni giustizia sicurezza parlamentari elettorale ambiente diritti solidarietà lavoro economia cons.regionali lavoro e economia feste del pd elezioni e primarie enti locali lavoro documenti diritti e solidarietà feste pd scuola dichiarazioni feste
Rassegna stampa
Il PD di Reggio Emilia su Facebook
 Partito Democratico Reggio Emilia - Via M.K. Gandhi 22 - 42123 Reggio Emilia - Tel: 0522-237901 - Fax: 0522-2379200 - C.F. 91141410356  - Privacy Policy

Il sito web di PD Reggio Emilia non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto